Gli Uomini di Merda: L’Uomo che Non Deve Chiedere MAI

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Gli Uomini di Merda: L’Uomo che Non Deve Chiedere MAI

In queste ultime merdavigliose settimane, piene di grane e rotture di balle, ho potuto osservare da vicino più esemplari di maschio, tutti rientranti nella categoria “L’uomo che non deve chiedere MAI”. Si perché, se esistono gli “uomini coniglio”, esistono anche quelli che si sono presi le loro sicurezze perdute e le spargono nell’ atmosfera come se a noi ce ne fregasse qualcosa. Ne avrete sicuramente incontrato uno sul vostro cammino amiche, ma anche voi maschietti purtroppo avrete un fastidiosissimo amico di questo calibro, e anche voi lo odiate, ne sono certa.

Possiamo dividerli così, non tutti sono uguali, li accomuna però un maestoso ego e una fiducia in sé stessi molto spesso davvero mal riposta:

  • Quello che sa TUTTO: è quell’uomo che di qualsiasi cosa si parli, lui ne sa più di te, ma che dico di te, di chiunque! Sono quelli che non sentono quante minchiate al secondo riescono a dire, le mascherano bene, e ci credono così tanto che ti fanno sembrare davvero che siano persone competenti, fortunatamente per poco. Lui di lavoro fa il muratore, o il postino, un lavoro comune insomma, ma se gli chiedi come si fa una laparotomia esplorativa all’addome, lui te ne parla per ore, ti consiglia anche la terapia per la convalescenza e la struttura più idonea a quel tipo d’intervento, ti da il nome del medico e se può ti fa pure una raccomandazione scritta. Ma vogliamo cambiare argomento? Parliamo di economia mondiale? Lui lo sa. La questione Israelopalestinese? Lo sa! E manco laggiù lo sanno! Come montare uno shuttle? Minchia e vuoi non saperlo al giorno d’oggi? Chiaramente non sa un emerito cazzo, sa solo esporlo in modo da lasciarti senza parole, subito perché pensi “dai magari quello che dice è vero, che uomo intelligente”, poi dopo due o tre appuntamenti o semplici discorsi, pensi che in confronto, a Mistero siano sobri ed empiricamente fedeli nel parlare di elfi e alieni.
  • Quello che parla solo di calcio e politica: madonna solo a scriverlo mi sale la carogna. Io quelli che parlano di politica e non sanno nemmeno spiegarti la differenza storica tra destra e sinistra, li esilierei; che vadano un po’ a votare in Svezia, poi vediamo se hanno ragione. Di solito sono quelli che ti elencano tutte le meraviglie fatte dal Duce, lette su facebook in qualche post imbecille, senza minimo riscontro storico, a volte cose mai avvenute; sono quelli che “tutti sono ladri”, “bisogna ammazzarli tutti” e poi non vanno a votare, quelli che un anno sono con la destra, ma poi vedono al tg5 che rubano allora votano a sinistra, ma poi vedono che rubano e cambiano ancora, quelli che ti danno sempre lezioni e che ti spiegano con arroganza che tu non hai capito un cazzo perché “bisogna andare lì con i forconi” e i poveri ci rubano il lavoro e il mangiare; quelli che odiano tutti, tranne la propria squadra di calcio. Alla squadra del cuore tutto è concesso, a casa tre figli e una moglie, allo stadio spranghe e bestemmie. Li vedi all’aperitivo prima della partita e si bevono 400 ceres perché allo stadio si va ubriachi, li vedi in settimana e tutti gli arbitri ce l’hanno con loro, il tifoso avversario è un infame e tu magari hai appena seppellito la nonna, ma non importa, perché quel merda del suo amico ha appena scritto su facebook che la sua squadra fa schifo e bisogna filosofeggiare su questo avvenimento cruciale della sua esistenza per ore. Finito di fare quello, si passa a elencare quante bellissime cose sarebbero capitate a quell’amico se ci fosse ancora Mussolini. Questi evitateli come la peste!
  • Quelli che “io odio i social network, sono inutili”: sono quelli che dicono di non aprire mai facebook, instagram e compagnia bella, e che ne parlano malissimo perché loro sono controcorrente, sono alternativi e nell’era digitale vogliono restare “umani”. Sono quelli che ti fanno dei pippotti sul fatto che non hanno whatsapp per motivi etici/spirituali, che non amano l’invasione della privacy, che gli illuminati li spiano; vogliono il contatto visivo, fisico, vogliono parlare. Care amiche, questi tizi o non hanno la minima idea di come funzionino whatsapp e facebook o vivono ancora con mammina che non gli da i soldini per lo smartphone o per la ricarica; in altri casi, fanno i fighi e non vogliono che tu li cerchi al numero di whatsapp perché hanno già una fidanzata, gelosa, che controlla i messaggi e le chiamate, o perché col loro account facebook e instagram seguono tutte le zozzone del mondo, tette, culi e a volte pure drag queen e travestiti. Loro continuano a salvare le apparenze e a dire che tu non capisci, mica hanno bisogno di un social network per avere cento donne, loro usano lo sguardo. Sei tu che sei una cretina a seguire le mode, sono cose passeggere, anche la tecnologia; se esci con un uomo così, forse un po’ cretina lo sei davvero.

Sono certa abbiate trovato somiglianze e corrispondenze in queste sottospeci, scappate finché siete in tempo! Prima di tutto, non lasciate che nessun uomo vi metta in testa che voi non capiate nulla, siate aperte ad altri punti di vista, ma non abboccate a tutte le cagate che sentite perché dette con voce suadente; gli uomini che vogliono prendere il controllo delle idee degli altri non sono mai persone degne. Per quanto mi riguarda, l’arroganza è una delle cose che detesto di più nella razza umana, insieme alla presunzione, tutti abbiamo da imparare dagli altri e tutti noi ci troviamo nella vita, prima o poi, a DOVER CHIEDERE.

Comments

comments

2 thoughts on “Gli Uomini di Merda: L’Uomo che Non Deve Chiedere MAI

  • 10/11/2015 at 19:01
    Permalink

    Beh! per quanto riguarda i social mi identifico ma non per apparire controccorrente ma per convinzione. Se a volte ne so di più di altri, va bene cosa posso farci? Io sono convinto che ci sia sempre qualcosa da imparare 😀

    Reply

Cosa ne pensi? Rispondi qui!