Donne, Gli schiaffi e la Violenza Silente

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Le Donne, Gli schiaffi e la Violenza Silente

Oggi ricorre la Giornata Mondiale Contro la Violenza sulle Donne.

A mia figlia ho insegnato che bisogna dire no alla violenza, in generale. Le ho insegnato a non aver paura di essere sé stessa nella propria complessità, magnificenza, grandezza, testardaggine e a vivere con serenità tutti i suoi difetti. Le ho insegnato a prendersi cura di sé stessa, a vedersi bella sempre, ad essere orgogliosa di come è; ad esprimere i suoi gusti e a fare le sue scelte in autonomia. Le ho insegnato a non farsi mettere i piedi in testa, ma ad essere sempre disposta a dialogare, a mettere in discussione le sue idee.

Il solo fatto che questa giornata esista, sottolinea il fatto che le donne siano considerate un bersaglio facile, un anello debole, che siano ancora culturalmente vessate. Per me violenza è anche guadagnare meno di un uomo a parità d’incarico, è non essere assunta perché madre o futura madre, è tornare a casa dopo 8 ore di lavoro e dover da sola pulire casa, cucinare, sistemare i figli, farli studiare mentre un uomo ci guarda dal divano annaspare. E’ non avere il tempo di vivere la propria vita. Non solo calci e pugni.

Ricordo a voi, care lettrici, di non lasciar passare mai nemmeno uno schiaffo, vi ricordo che siete vive, grandi e meritate rispetto. Nessuna gonna corta, scollatura, parola detta o non detta, potrebbe giustificare uno schiaffo, nemmeno uno. Ricordate che avete lo stesso diritto a riposarvi e ad essere felici di un uomo, che esser brave madri non vuol dire gettar via la propria vita, che essere brave mogli vuol dire amare sé stesse prima del marito. Amatevi.

Comments

comments

Cosa ne pensi? Rispondi qui!