Primavera: sicuri che sia così meravigliosa?

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Primavera: sicuri che sia così meravigliosa?

Primavera, che momento soave l’arrivo di questo periodo dell’anno, il più allegro di tutti!

Come al solito vado controcorrente.

Io la primavera l’amavo moltissimo prima che nascessero i miei figli, direi fino a che non hanno iniziato ad andare a scuola. Poi sono cominciati tutti i problemi.

Amiche mamme, voi riuscite a rientrare a casa ad un’ora decente in primavera? Io mai. I miei figli escono dal letargo e diventano iperattivi. La serotonina si impadronisce dei loro corpi e diventano instancabili…fino a che non arrivano a casa.

Si rientra alle sette di sera quando va di culo, con ancora la luce, ma ci sono da fare i compiti che ops, distrattamente hanno dimenticato di fare prima, vista la fretta di andare ai giardinetti. Mentre cucini non si sa cosa, perché manco la spesa si è riusciti a fare, devi ripetere geografia o fare l’analisi del periodo di sta cippa. Nel mentre tutti agognano il cibo e nessuno ha la forza di muovere un dito per raccogliere la penna caduta o per prendere un bicchier d’acqua. Quindi tu cucini, raccogli penne, servi al bancone e studi.

Una volta cibati tutti, quel poco di energia rimasta viene spesa per fare una giocatina col telefono, perché “sono stanco, ho corso tutto il giorno”, mentre tu invece tutto il giorno hai pregato che tornasse presto l’oscurità invernale mentre facevi la qualsiasi.

Quindi lo zaino per il giorno dopo? “Aiutami mamma, non ce la faccio”, che vuol dire che tu fai lo zaino, firmi gli avvisi e trovi voti di merda nel mentre. La carogna sale e cominci a pensare che questo non è solo che l’inizio dell’estate e del delirio di dover piazzare e nutrire tutti  mentre lavori, di dover rientrare a casa stanca, accaldata e avere solo il tempo di mettere il costume per andare in spiaggia, fare due panini veloci e litigare con tutti i bagnanti perché tuo figlio schizza, lancia il pallone sulla gente o, nel migliore dei casi, passare mezza giornata a cercarli in ogni anfratto perché si sono imboscati con gli amici senza avvisare.

Quindi si, primavera, fiori, cuori e amori, ma anche stress in più. Io vorrei vivere in letargo tutto l’anno. Pessimismo e fastidio.

La canzone più adatta? Eccola, CLICCA QUI!

Comments

comments

Cosa ne pensi? Rispondi qui!