Il nuovo popolo di Facebook e la politica: come se fosse antani

Il nuovo popolo di Facebook e la politica: come se fosse antani

Il nuovo popolo di Facebook e la sua dialettica a me hanno rotto un po’ i maroni. Mi sono stufata di dover discutere con persone che non hanno idea di come funzioni l’elezione di un governo, ma che ti vogliono spiegare tutto: l’economia globale, i mercati, cos’è l’onestà, proprio tutto insomma.

Mi mancano quei bei tempi in cui quando non sapevi niente, tacevi, caro nuovo popolo di Facebook, ma voi non c’eravate. Read more

#ioStoconlOrtica , #ioStocolSUQ, #ioStoconlaCultura

#ioStoconlOrtica , #ioStocolSUQ, #ioStoconlaCultura

Mentre la stragrande maggioranza degli italiani è occupata a difendere la tradizione cattolica, che già sentirli chiamare la religione tradizione da il senso di quanto ci tengano davvero, a Genova, nel silenzio generale, i fondi per le iniziative culturali vengono tagliati, se non cancellati. Due realtà genovesi si trovano in cattivissime acque, una è il SUQ, al quale io sono affezionatissima e che ogni anno non manco mai di visitare insieme ai figli, una realtà multietnica che ci regala bellissimi esempi di integrazione e identità (e ne abbiamo proprio bisogno) e l’altra è il Teatro Dell’Ortica, che oltre alla sua funzione classica di teatro, ospita parecchi laboratori per pazienti psichiatrici, per detenuti o per ragazzi con disabilità. Trovo davvero assurdo tirare su dei polveroni per sciocche questioni di principio, peraltro con basi molto deboli e imbarazzanti, e invece lasciar correre e ignorare un ennesimo colpo così forte che viene inferto alla città di Genova e alla cultura, socialità ed educazione in generale. Queste sono cose che non possiamo trascurare perché ci verrà tolto tutto, nell’indifferenza totale, e rimarremo soli in un mondo strapieno di gente ignorante e scema con un crocifisso in classe. Non possono levarci il sapere, non possono toglierci l’arte, non possono privarci della possibilità di condividere storie ed emozioni, non possiamo stare in silenzio davanti a questo scempio.